Kingmaker

La guerra delle due rose fu una sanguinosa lotta dinastica combattuta in Inghilterra tra il 1455 ed il 1485 tra due diversi rami della casa regnante dei Plantageneti: i Lancaster e gli York. La guerra fu così denominata, nel XIX secolo, dopo che Walter Scott, nel 1829, aveva pubblicato la novella Anna di Geierstein[1] facendo riferimento agli stemmi dei due casati che recavano rispettivamente una rosa di colore rosso ed una bianca.
Trovate tutta la storia anche su Wikipedia e devo dire che compatisco i poveri studenti inglesi che sicuramente dovranno studiare queste vicende, non tanto per la storia in sé (in fondo abbastanza lineare) ma per le complicatissime vicende dinastiche che sicuramente da loro sono considerate di vitale importanza al fine di identificare la discendenza reale (il che mi ricorda un altro gioco, Blood royal).
Il gioco nasce  in Gran Bretagna nel 1974 e l’edizione Avalon Hill (qui considerata) è dell’anno seguente, ovviamente semplificata (per fortuna!).
Ogni giocatore rappresenta una casata che dispone di titoli, privilegi, terre e armati che sostanzialmente servono a sequestrare un pretendente al trono e portarlo a Londra per farlo incoronare; questo richiede anche diplomazia per avere alleati e non solo nemici da sconfiggere.
Le regole non sono un capolavoro di chiarezza, riportiamo in proposito un esempio di discussione:
Allora le regole dicono testualmente che un Alleanza si può creare in qualsiasi momento, e da quell’istante i nobili delle fazioni alleate non si possono più attaccare tra di loro.
Per quanto riguarda l’unione dei nobili alleati, per potersi muovere ed attaccare insieme, devono trovarsi nella stessa casella, si deve decidere un comandante, passare i nobili sotto il suo comando, e nel turno del comandante tutta la forza congiunta può muovere ed attaccare(solo una volta per GIRO, quindi se un nobile ha già mosso in questo giro, magari per unirsi alla forza congiunta, non potrà più farlo e di conseguenza tutta la forza potrà muoversi solo al giro successivo).
Quello che non riuscivo a spiegare(che Lobo mi ha fatto notare), e cioè che i nobili devono muoversi insieme partendo da uno stesso punto precedentemente raggiunto, è che, POTENDO muovere i propri nobili solo nel proprio turno, e passando sotto il comando di un nobile tutti gli altri alleati, di fatto il comandante sta muovendo dei nobili che GLI APPARTENGONO e quindi è lecito spostarli tutti insieme nel suo turno, diversamente si contravviene alla regola base del movimento.

//www.youtube-nocookie.com/v/c49IYMF4l1s?hl=it_IT&version=3&rel=0
Per chi parla inglese, partendo da questo indirizzo http://youtu.be/c49IYMF4l1s, sono disponibili 7 video che illustrano punto per punto il gioco.
La Avalon Hill fece anche una edizione per PC

che si trova come abandonware all’URL http://www.myabandonware.com/game/kingmaker-2xb Kingmaker download

Cercando in rete, ne abbiamo trovato una copia su e-bay qui: http://www.ebay.it/itm/KINGMAKER-COMPLETE-1st-Edition-AVALON-HILL-WAR-OF-THE-ROSES-15TH-CENTURY-GAME-/121007906034?clk_rvr_id=567965641041

Ma riteniamo che, per i collezionisti italiani, sia senz’altro preferibile l’offerta del sito Giochi in scatola:
http://giochinscatola.it/catalog/product_info.php?products_id=6227

porzione tabella versione per computer

Come sempre il nostro indirizzo è archeoludica@uac.im

Pubblicato da uacmio47

manifestazione ricominciamo dal futuro

3 pensieri riguardo “Kingmaker

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: